• Iscriviti via Feed RSS
  • Pagina Facebook di Bambini e Vacanze
  • Bambini e Vacanze su Twitter
  • Bambini e Vacanze su Google Plus
  • Bambini e Vacanze su Pinterest
  • Bambini e Vacanze YouTube

Bambini.it: Intervista ad Alessio Sperlinga



Alessio Sperlinga è il creatore di creatore di Bambini.it. Lavora quotidianamente per trovare e segnalare siti e risorse online interessanti per noi mamme e i nostri bambini. Il suo progetto è nato molti anni fa, quando Internet, in Italia, era ancora agli albori. Per questo Alessio è un profondo conoscitore del mondo "bambini sul Web".

Il valore di Bambini.it è quello di aver colto l'esigenza dei genitori, degli insegnanti e dei bambini molto prima che lo avessero fatto altri: creare un indice dei siti per bambini, ovvero quei siti che possono essere visitati dai bambini in tutta sicurezza e che possono essere utilizzati da genitori ed educatori per trovare risorse utili.


Chi sei e cosa fai nella vita?

Sono Alessio Sperlinga e mi occupo di informatica come project manager e formatore.




Quando, come e perché è nata l'idea di Bambini.it

La prima domanda che mi provocò la fece la dottoressa De Bernardis, sociologa e madre di tre figli, nel mese di giugno del 1998, durante un corso in Caritas Ambrosiana:

"Ok, Internet è bellissimo, ma il mio primo figlio è così sveglio che se lo faccio navigare chissà dove si collega ?!?"

Io risposi:"Non ti preoccupare. Esiste sicuramente qualche sito che ti da una mano con i bambini. Faccio qualche ricerca e poi vediamo."

I siti più belli trovati nel 1998 erano Girotondo.it, la pagina dei giochi di Virgilio e Mamamedia, ma nessuno dei tre era soddisfacente.

Nessun sito metteva insieme:

- Una introduzione ad Internet per i genitori.

- Un elenco di soli siti pensati per i Genitori Insegnanti e Bambini senza dover saltare da un argomento all'altro sui motori di ricerca .

Il ministero dell'Istruzione italiano, Istruzione.it, si occupava di fornire informazioni sulle normative ed i progetti (bellissimo OsservatorioTecnologico.it) e le strutture scolastiche italiane ed europee, senza nessuna sezione di taglio divulgativo.

Ci sono dei bei siti ministeriali come il sito dell'Istituto Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica (ex INDIRE), ma non sono pensati per le famiglie.

I migliori siti web per l'infanzia in Italia, a differenza di altri paesi, li fanno i privati.

All'epoca pensai che non era possibile che le istituzioni ignorassero bellamente l'immenso patrimonio di risorse educative presente su internet! Così decisi che qualcuno doveva fare qualcosa: non ho mai smesso...




Quali sono state le difficoltà che hai incontrato e le cose più belle che ti sono capitate?

Le difficoltà nel fare una cosa che ti piace fanno parte del piacere dell’opera.

La difficoltà principale è mantenersi sempre online e seguire l’aggiornamento tecnologico di Internet. Fortunatamente fa parte del mio lavoro.

Le cose più belle sono le testimonianze di coloro che trovano utile il sito Bambini.it e le dispense di informatica sul mio sito personale.

Le soddisfazioni sono state, e sono, divulgare le cose belle che ci sono su Internet per chi si occupa di bambini ed il rispetto che molti su Internet e nei media tradizionali mi hanno dimostrato nel tempo, riconoscendomi una reputazione “storica” come dinosauro italiano di Internet.




Quali sono le cose di maggior valore che si possono trovare su Bambini.it?

Un punto di vista preciso.

Tutti i siti sono visitati da me personalmente, periodicamente elimino quelli scomparsi e a campione verifico quelli esistenti.

Il sito mantiene un taglio divulgativo con dei percorsi dedicati a genitori, insegnanti, bambini.




Quanti lettori hai? Chi sono?

Il sito è molto usato nei periodi scolastici e va da 1500 a 5000 visitatori al giorno.

Prevalentemente sono genitori, insegnanti e bambini abituati, ad esempio, a navigare la sezione video o giochi perché trovano più veloce passare dove l’adulto gli ha insegnato




Qual'è il tuo obbiettivo nella vita?

Fare qualcosa di utile per me stesso e per gli altri.

La famiglia è un buon punto di partenza. Il lavoro mi da l’opportunità per diffondere servizi e cultura tramite l’informatica e la formazione. La passione per le attività di volontariato, propria del territorio Lecchese in cui vivo, mi da la possibilità di fare qualcosa che coinvolge più persone, ad esempio con il progetto Lecco 100.




Quali sono i tuoi 3 siti preferiti?

Recentemente sono i blog delle mamme e i blog del maestro Sconocchini e di Alberto Piccini, in passato La girandola ed altri siti americani.

Ho apprezzato molto l’enorme lavoro di Mypage e dei siti con realtà virtuali, come Bellasara per le bambine e Club Penguin per i bambini.

Consiglio di avere un occhio di riguardo per Facebook che è una sorta di Internet separata, con molto spazio per la comunicazione diretta, nella quale le mamme eccellono e dove abbiamo aperto una pagina dopo due anni di riflessione ed osservazione.


Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I post più letti